14 Novembre 2019
[]

Cosa facciamo
percorso: Home > Ci presentiamo

Escursioni nel Parco

La Majella, con il suo paesaggio variegato, offre tante opportunità per gli escursionisti e permette a ciascuno di programmare il suo itinerario scegliendo tra passeggiate di bassa difficoltà, attraverso splendide faggete, mulattiere e capanni pastorali, ed escursioni più impegnative verso le vette del massiccio dove si conserva l’anima “selvaggia” della Montagna Madre.

Nel versante occidentale del Parco le nostre escursioni “Sui sentieri di Maja” permettono di scoprire, guidati dai nostri accompagnatori, alcuni dei più belli tra i sentieri del Parco:
“Sulla via dei pastori”
Itinerario da Pacentro a Passo S. Leonardo fino a Lama Bianca, per ripercorrere le antiche mulattiere usate da pastori e contadini.
L’escursione prevede una sosta anche presso l’area faunistica del Camoscio appenninico a Pian dell’Orso (Pacentro) e l’arrivo alla Riserva Naturale di Lama Bianca, uno piccolo scrigno di biodiversità.
“Luoghi di culto sulla Majella: San Germano di Pacentro
L’itinerario, da Pacentro a San Germano, ricalca il percorso del tradizionale pellegrinaggio a piedi che gli abitanti di Pacentro affrontano ogni anno in devozione del santo.
Un facile itinerario per scoprire la spiritualità della montagna madre.
Anello delle fonti in Val di Fondo
Classico anello con cui attraversare le splendide e vaste faggete che ricoprono la Val di Fondo fino all’ampio anfiteatro naturale di Fondo Majella.
Varietà di paesaggi all’interno di uno degli habitat più preziosi del Parco e più frequentati dalla grande fauna appenninica.
Il Morrone
Escursioni ed itinerari ad anello, tra testimonianze pastorali e scenari selvaggi, sulla montagna “minore” splendidamente affacciata sulla Majella. Il Morrone, meno frequentato e conosciuto, va oltre le comuni aspettative regalando in tutte le stagioni dell’anno grandi emozioni.
L’alta via della Majella:
Monte Amaro dal versante occidentale
Escursione impegnativa e di grande impatto riservata agli escursionisti più preparati. L’escursione, organizzata spesso in notturna, prevede la salita alla vetta della Majella (m. 2793) partendo dal versante pacentrano del massiccio e superando un dislivello complessivo di oltre 1500 metri. Pascoli secondari, fitte faggete e ruscelli montani lasciano gradualmente il posto a ghiaioni apparentemente inospitali e paesaggi da tundra artica.
Modulo iscrizione
Riempi il modulo sottostante per richiedere un contatto.
Un nostro incaricato ti risponderà il prima possibile.
Grazie.
I campi in grassetto sono obbligatori.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio

[Realizzazione siti web www.sitoper.it]
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio