24 Maggio 2019
[]

Abbazia di Santo Spirito al Morrone

INGRESSO
Biglietto intero 4,00 euro;
Biglietto ridotto (18-25 anni) 2,00 euro;
Gratuito per i minori di 18 anni.
Il costo del biglietto include la visita guidata con il personale della Soprintendenza.

ORARIO DI APERTURA
Lunedì - Venerdì 09,00 - 13,00
Sabato e Domenica su prenotazione per gruppi di almeno 15 persone

APERTURE STRAORDINARIE MESE DI AGOSTO 2018
Domenica 5 Agosto (ingresso gratuito)
Domenica 12 Agosto 9.30 - 13.30
Mercoledì 15 Agosto 9.00 - 13.30
Domenica 19 Agosto 9.30 - 13.30
Domenica 26 Agosto 9.30 - 13.30

Info: 0864 32849 sbsae-abr.sulmona.abbaziasspirito@beniculturali.it
Polo Museale dell´Abruzzo 0862 28420 pm-abr@beniculturali.it

L’Abbazia di Santo Spirito al Morrone ha rappresentato per secoli il più importante e celebre insediamento della Congregazione dei Celestini nonché il fulcro della vita culturale, religiosa e civile di un vasto territorio.

Il complesso monumentale, che occupa una superficie di 16.600 mq., sorge a soli 5 Km dal centro di Sulmona in località Badia.

Le sue origini sono legate alla figura di Pietro di Angelerio, monaco benedettino, eremita, fondatore dell’ordine dei Celestini e Papa con il nome di Celestino V. Sarà lui a iniziarne la costruzione ampliando probabilmente la chiesetta di Santa Maria risalente alla prima metà del XIII secolo e promuovendo poi la costruzione di una nuova chiesa dedicata allo Spirito Santo con annesso Monastero. In questa sede inoltre stabilirà la Casa Madre dell’Ordine a seguito del Capitolo Generale tenutosi nel giugno del 1293.

Nel corso dei secoli l’Abbazia ha subito varie fasi di ampliamento di cui abbiamo ancora bellissime testimonianze, fino ad arrivare agli importanti interventi a seguito del terremoto del 1706. L’attuale impianto è composto da una monumentale chiesa settecentesca e da un imponente monastero che si articola su cinque cortili interni, tre maggiori e due minori.

I monaci hanno abitato questo complesso fino all’emanazione della legge napoleonica del 1806 che disponeva la soppressione degli Ordini religiosi. In seguito a ciò l´abbazia ha cambiato diverse destinazioni d’uso: dapprima Collegio Reale dei tre Abruzzi, poi ospizio quindi quartiere militare con annesso ospedale. Nel 1868 viene trasformata in casa di reclusione e sarà tale fino al 1993.

Dopo un lungo lavoro di restauro, ancora non terminato, l´Abbazia è oggi tornata al suo splendore. Sede del Parco Nazionale della Majella e della Soprintendenza Beni storico artistici ed etnoantropologici è finalmente visitabile in buona parte.



[Realizzazione siti web www.sitoper.it]
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio